Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

PB2 4587Dal 23 al 28 aprile, si è svolto sull’isola di Evia in Grecia, l’Evia Rally Raid, prima tappa della Balkan Cup, che quest’anno seguiremo per tutta la sua durata.

 

La base nevralgica della competizione ha avuto sede nella parte nord-orientale dell'isola e più precisamente nella piccola città costiera di Kymi, le cui banchine del porto hanno ospitato le assistenze dei vari team, mentre il Kymi Palace Hotel ha accolto la direzione gara.

Da qui, ogni giorno i concorrenti partivano per le varie manche che li hanno portati, lungo 1250 km complessivi di gara, alla scoperta di tutta l’isola.

Il prologo in spiaggia ha inaugurato l’edizione 2012 dell’Evia Rally, mentre le successive tappe della gara sono state caratterizzate dalle dure ma belle piste di montagna, che hanno messo alla prova la meccanica dei fuoristrada.

I 4x4 in gara sono stati 24, a cui vanno aggiunte 106 moto e16 tra QUAD ATV e UTV, con equipaggi provenienti da quasi tutta l’Europa e dai paesi balcanici. L’ Italia è stata ben rappresentata con 4 auto, 1 camion del Team Italia, 54 moto e 2 ATV.

La gara, estenuante sia per uomini che mezzi, è stata dominata e vinta, nella classe 4x4 Modificati, dall’equipaggio bulgaro Trayanov-Marinkov, vincitori della Balkan Cup 2011.

Al secondo posto troviamo Alexiev-Stoyanovi, connazionali  dei vincitori, mentre il gradino più basso del podio è andato ai greci Dimitriadis-Kalfas. Nella categoria veicoli di Serie, vinta dai bulgari Cholakov-Grancev, troviamo al terzo posto l’equipaggio italiano Ricci e Colussi a bordo di un Mitsubishi L200.

Nella classe dedicata al campionato ellenico, la Z2, ha vinto il duo Kastrinakis-Petousis a bordo di un Suzuki Jimny.  La classifica generale delle moto vede premiato il greco Vasilis Boudros, seguito dal nostro connazionale Adriano Groppo; il terzo posto è andato invece al bulgaro Plamen Yotcov.

Più frequentiamo queste competizioni balcaniche e più ne apprezziamo le caratteristiche: i costi di iscrizione sono veramente accessibili a tutti e quello che più conta è che si macinano molti chilometri di vero off road.

Bisogna ovviamente avere un buon spirito di adattamento a regole, abitudini e organizzazioni diverse dalle nostre ma, con questa consapevolezza il divertimento è assicurato. Il prossimo appuntamento con il circuito della Balkan Cup è dall’8 al 15 giugno in Albania per l’omonimo rally (www.rallyalbania.org) dove i numerosi concorrenti italiani in gara, faranno di tutto per portarsi a casa la vittoria finale.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna