Se il buongiorno si vede dal mattino.....

 

ed in effetti all'ora dell'appuntamento al ristorante “I Pini” di BONORVA il sole splende già alto nella mattina primaverile annunciando una fantastica giornata che accompagnerà il raduno organizzato dal Club F.I.F. Ichnusa 4x4 con la partecipazione di oltre 50 vetture iscritte.

L'ampio cortile del ristorante si riempie subito. Numerosi sono gli equipaggi giunti dalla Gallura, dal Nuorese e da Sassari. Le vetture presenti fanno già pensare che sarà un raduno di quelli “tosti”, ed in effetti il tracciato, disegnato dal sempre inossidabile Pietro MANAI, che guiderà il gruppo a bordo della sua inconfondibile Toyota BJ71 azzurra non permette certo di annoiarsi: si passa da ripide discese in pietraia con passaggi tecnici alle lunghe e ripide salitone lungo sentieri poco più larghi delle vetture stesse; ci si diverte per un'oretta nei pressi di un guado ove una fangaia “aspiramacchine” blocca anche i fuoristrada più preparati che vengono prontamente salvati grazie ai verricelli dell'organizzazione sempre presente. Si percorre (solo alcuni) una ripidissima salita costeggiata in parte da un vero e proprio burrone che fa salire vertiginosamente di quota in pochi minuti. Insomma....... le varie Mercedes G, Defender, Toyota, Jeep e Nissan super preparate hanno modo di sfoggiare tutta la loro cattiveria. Ma non sfigurano di certo neanche i  Suzukini, il bellissimo Land Rover Series IIA perfettamente restaurato,  i Mitsubishi e ….. udite udite: una Panda 4x4 purtroppo bloccata da una stupida noia tecnica (rottura della boccola della leva del cambio). Portacolori del FuoristradaWeb il buon Massimo “Orso” Pinna e consorte con il loro Suzukino che lanciano indomito anche nei più arditi passaggi.

Dopo un lauto pranzo consumato al ristorante “I Pini”, il pomeriggio ci si sposta tutti nella cava di Pietro MANAI sita in località Campeda dove solo gli equipaggi più coraggiosi hanno la possibilità di cimentarsi in una serie di passaggi davvero Hard.

Insomma... una fantastica esperienza da ripetere sicuramente.

Salvatore Nurra


Fotografie di Salvatore Nurra

 

seoLinks