Un viaggio tra antichi paesaggi minerari, ecco il programma delle due giornate all'insegna del fuoristrada, offertoci dal team del SardegnaExplorer.

Si parte sabato pomeriggio, tre sono gli equipaggi del FuoristradaWeb, 100 i km di trasferimento su asfalto che dobbiamo percorrere per raggiungere la frazione di Bindua, vicino ad Iglesias.

Arriviamo con un po' di ritardo, lì ad aspettarci oltre ai due Andrea, organizzatori del viaggio, anche gli amici del 4x4SardegnaClub e del gruppo di Arbus Fuoristrada.

Due chiacchiere, consegna Roadbook e si parte, un altro po' di asfalto e finalmente il tanto atteso Offroad.

Adriano e suo figlio Flavio, a bordo del suo bellissimo Defender scelgono di stare assieme a noi e questo ci ha fatto veramente piacere.

Ottimi i percorsi scelti, che si snodano attraverso i vecchi e da tempo disabitati villaggi minerari di Malacalzetta e Arenas, oltrepassati i quali scendiamo verso Buggeru attraverso stretti tornanti, raggiungendo l'area camper di San Nicolò, dove approntiamo il campo per la notte.

Dopo le ultime fatiche tutti a cena, il menù consiste in antipasti, pizza e bibita.

Dopo cena veniamo raggiunti da Simone e Silvano, Simone, nuovo appartenente alla famiglia del FuoristradaWeb ed al suo primo raduno, ci delizia il dopo caffè con un ottimo mirto casareccio, che ha richiamato tra noi anche qualcuno del 4x4SardegnaClub che ha poi scelto di trascorrere la notte lì vicino a noi.

La notte trascorre con qualche raffica di maestrale e col rumore del mare in burrasca, ma riusciamo comunque a dormire.

La sveglia è alle 07,30, si smonta il campo, colazione al bar e si parte.

Ottimi anche i percorsi scelti per la mattina di domenica, compreso l'intermezzo nel letto del fiume che troviamo in zona di Gutturu Cardasciu.

La sosta pranzo è libera, verso le 13,00 la fame si fa avanti ed al primo spiazzo consumiamo il “pranzetto”, con menù di tutto rispetto, compresi i dolci, ottimi, offerti dall'amico Adriano.

Caffè e si riparte, altri 30 km di vecchie carrarecce poco frequentate e di media difficoltà di percorrenza, ci conducono sino a Nebida, attraversando panorami mozzafiato.

Raggiunto Nebida, consumiamo un caffè e salutati gli amici vecchi e nuovi si riprende la strada di casa.

Le impressioni sono sicuramente positive e mi sento di dire peccato per chi non ha potuto partecipare, il roadbook buono ed intuitivo a parte due piccoli errorini corretti in corso d'opera, buona la presenza dell'organizzazione, un saluto particolare al ragazzo in moto che ci ha filmato in più passaggi.

Video by Matia

 

 

Foto by Marisa

 


 

seoLinks